Concorso Musica E’ (Tarquinia): uno tra i punti di riferimento per chi è determinato a rincorrere i propri sogni (RECENSIONE)

Quando abbiamo deciso di partecipare a “Musica E'” pensavamo fosse il solito concorso canoro, ma ci sbagliavamo. Lo abbiamo scoperto durante un freddo weekend di fine novembre a Tarquinia, in provincia di Viterbo, quando abbiamo respirato a pieno l’atmosfera di una sana competizione, promossa da “Sony BMG Italy”, “Sony ATV”,”New Show Academy”, “VDC Produzioni” e “Bungaro Stage” solo per citarne alcuni, dove preparare e incentivare gli artisti è davvero l’obiettivo primario.
Lo si nota già durante gli Stage pomeridiani, il vero e proprio nucleo centrale del progetto, dove i partecipanti vengono preparati negli aspetti fondamentali di quello che potrebbe diventare il loro mestiere: tecnica, interpretazione e presenza scenica. Sottoposti poi al giudizio e ai preziosi consigli di una Giuria che vanta nomi importanti del panorama discografico e musicale italiano, i cantanti sono pronti per lo show serale in cui faranno finalmente conoscere ed ascoltare la loro arte anche al pubblico.

La prima serata a cui assistiamo è quella di sabato 25 novembre presso la Sala Congressi dell’Hotel All’Olivo, il salone è gremito e non mancano ovviamente parenti e amici di coloro che tra poco saliranno sul palco. L’atmosfera è serena e un po’ intima, non è uno di quei concorsi sbrigativi e “freddi”, è tutto molto professionale, dalle luci ai tecnici, e al contempo accogliente come se ci si trovasse in una grande famiglia, un ambiente brioso anche grazie alla buona capacità del presentatore nell’intrattenere il pubblico Antonio Marino.

Gli aspiranti cantanti sono divisi in categorie dato che, altro aspetto fondamentale, “Musica E'” è aperto a tutte le età: c’è la categoria per i più piccoli “Under 13” e “13/16”, ci sono i gruppi degli “Inediti 16/36” ed “Editi 16/36” fino alla categoria “Over 36” per i più grandi.
Tutte le esibizioni “passano al vaglio”, sono setacciate dall’orecchio vigile dei componenti della Giuria dove troviamo l’autore e compositore per Sony BMG Rory Di Benedetto e ben tre ex allievi di Amici: Valeria Romitelli, che sta attualmente lavorando al suo album di debutto, il fratello Piero Romitelli, importante autore di pezzi cantati da Zero Assoluto, Raf, Dolcenera, Nina Zilli, Sergio Sylvestre e molti altri, ed infine Alessio Bernabei, ex frontman dei Dear Jack, ora impegnato nella sua carriera solista e che, per l’occasione, rientra in patria.

Durante lo show ascoltiamo di tutto, la varietà non manca di certo: ci sono “Sono solo parole”, “Tutta colpa mia”, ma anche scelte più azzardate ed internazionali come “The blower’s daughter” e “Goodbye England’s Rose”, ma la varietà non manca, così come la creatività, soprattutto durante gli “Inediti” dove l’energia si alterna ad atmosfere più soft e acustiche.

Molto coinvolgente l’esibizione dei fratelli Romitelli nel brano scritto proprio da Piero per la cantante Nina ZilliPer un niente. Due voci che si fondono impeccabilmente, soave e con un timbro particolare quella di Valeria, in contrasto con quella più profonda di Piero in una canzone romantica, avvolgente e dalle note sensuali.

Travolgente e piena di energia invece la carica trasmessa da Alessio Bernabei in chiusura con i pezzi “Domani è un altro film“, il brano che gli ha regalato il successo con la sua ex band e la sua personale “Anima Gemella”, primo pezzo scritto dal cantante ai suoi primi esordi e presentata proprio a “Musica E'” nel 2013, prima della sua partecipazione ad Amici che gli valse la vincita del concorso, una scelta legata quindi al forte significato che hanno per lui entrambi i brani.

Non diversa è stata la giornata di domenica 26 novembre, se non per il fatto che l’adrenalina degli artisti rendeva il clima più competitivo… e come biasimarli visto che la sera sarebbero stati annunciati i tanto attesi nomi dei vincitori di categoria e dei semifinalisti.

Domenica è stata anche la volta delle esibizioni dei piccoli artisti della categoria “Under 13”, bambine con una maturità e una padronanza vocale e del palco non indifferenti nonostante l’età. Anche oggi buon assortimento musicale, dalle voci più pulite e decise come in “Per dire di no” fino alle più particolari “black” durante “Left outside alone” e la lirica di “Nessun dorma”. Interessante ascoltare il desiderio di artisti bramosi di dire la loro su temi attuali quali i pregiudizi razziali, come il testo scanzonato e che fa riflettere accompagnato dalla vivacità musicale dell’ukulele o quello che denuncia la Chiesa tramite parole ironiche e pungenti.

Non deludono nemmeno stasera Valeria e Piero Romitelli in una seconda esibizione sullo stesso brano presentato la sera prima.

Differenti però i brani portati da Alessio Bernabei: si passa dal sognare con la ballad autobiografica “Fra le nuvole” a ballare con “Noi siamo infinito”, il primo singolo solista del cantante e presentato a Sanremo 2016.

Tra un brano e l’altro arriva finalmente l’ora delle premiazioni riguardanti la TAPPA CENTRO di Tarquinia, chi passa direttamente in finale scopriamo essere Marcello Zera (vincitore della categoria Over 36), Sofia Biordi (vincitrice della categoria Under 13), Sophia (vincitrice della categoria 13/16) e Tecla Insolia (vincitrice di Tappa), tutte vittorie meritate, ci troviamo assolutamente d’accordo con i giudizi definitivi della Giuria.

Per quanto riguarda i semifinalisti, vengono annunciati i nomi di: Giada Sardu, l’artista più votata dai partecipanti in gara, Linda Fabbri che vince il Premio Stage Editi, Sara Dringoli vincitrice del Premio Stage Inediti

e Francesca Valente, Sofia Canciello, Giusy Maniaci, Althea, Martina Serini, Marco Orlandi, Iulia Lungu, Ilaria Graziosi, Mariah, Sonia Zaccariello, Chiara Patalano, Pietro Spera e Mariapaola Orefice, ma per i non ammessi in semifinale non tutto è perduto… il Concorso ha infatti deciso di pubblicare su facebook i video delle loro esibizioni, i due video che riceveranno più like faranno in modo che i due artisti in questione accederanno alla semifinale, quindi se volete dire la vostra anche voi non vi resta che visitare la loro pagina facebook (clicca qui).

Insomma avrete sicuramente capito che “Musica E'” ci ha colpite in senso positivo, è il posto giusto per tutti gli artisti emergenti che cercano un concorso valido e in grado di introdurre, con una buona preparazione, nel mondo musicale italiano, e soprattutto dove la fame di musica e la determinazione sono le prerogative fondamentali.

Condividi su:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




*